Cocktail Irish Coffee - Cocktails - Ingredienti del Irish Coffee- Preparazione del Irish Coffee- Storia del Cocktail Irish Coffee - Lista cocktails internazionali - iba - aibes - elenco cocktails - come preparare Cocktail Irish Coffee cocktail  Whisky  Caffe'  Crema di latte o panna liquida 

Torna indietro e mantieni la selezione
 

COCKTAIL: IRISH COFFEE
 


Categoria : AFTER DINNER ( DA SERVIRE DOPO IL PRANZO O LA CENA )

INGREDIENTI PRINCIPALI , PERCENTUALI E DISPONIBILITA'

OK Significa che HAI questo ingrediente - NO significa che NON hai questo ingrediente - Torna alla pagina degli ingredienti

WHISKY (NO)   CAFFE' (NO)   CREMA DI LATTE O PANNA LIQUIDA (NO)  

 

ALTRE INFORMAZIONI SUL COCKTAIL IRISH COFFEE

Bicchiere

Bicchiere da Irish Coffee

Ingredienti secondari

Zucchero di canna

Gradazione

alcolico

Decorazioni

Nessuno

Internazionale

si

 

PREPARAZIONE DEL COCKTAIL IRISH COFFEE

L'Irish coffee, o caffè irlandese, è un caffè caldo, zuccherato, corretto con whisky e con uno strato di panna (crema di latte, ndr) sulla superficie.

Viene servito pre-riscaldando il bicchiere, mettendoci il caffè corretto e zuccherato ed aggiungendovi per ultima la panna, leggermente montata. A volte, ma piuttosto raramente, al caffè vengono aggiunte spezie quali la noce moscata o la cannella.

L'invenzione del cocktail è rivendicata dalla cittadina irlandese di Foynes, nel cui bar del porto e dell'aeroporto veniva servito per riscaldare i passeggeri reduci dalle traversate trans-atlantiche.

Secondo altra tradizione, l'elaborazione della bevanda si deve a Mr. Sheridan, capo dei barman nel bar dell'aeroporto di Shannon in Irlanda. Era il 1942, ed all'aeroporto giunsero in piena notte dei passeggeri stanchi e stizziti per la cancellazione del loro volo dovuta al maltempo. Joe Sheridan pensò allora di servire loro qualcosa di robusto che potesse rinfrancare e "riscaldare" i passeggeri. Preparò del caffe molto forte, aggiunse zucchero e whisky, completando con una guarnizione di panna. Quando i passeggeri gli chiesero se si trattasse di caffè brasiliano, Mr. Sheridan divertito rispose: «No, è caffe irlandese!».

Un giorno, un giornalista del "San Francisco Chronicle", atterrato a Shannon, scoprì la bevanda e l'apprezzò molto, arrivando a dedicarle un articolo sul quotidiano a grande tiratura di cui era corrispondente.

Fu così che i bar di San Francisco incominciarono a preparare l'Irish Coffee, e poi la ricetta si diffuse in tutto il mondo.

[Fonte Wikipedia]


STORIA DEL COCKTAIL IRISH COFFEE

Il Whiskey irlandese era la bevanda alcolica nazionale da più di un millennio e l'abitudine di mettere un po' nel tè si era diffusa intorno al XVI secolo diventando una tipica usanza del luogo.

Quando al termine della seconda la guerra mondiale, ricominciarono voli transatlantici, gli aerei del tempo non potevano effettuare tutta la traversata dell'Atlantico senza uno scalo tecnico.

Quella sosta avveniva normalmente a Shannon , cittadina a sud-ovest dell'Irlanda.

Joe Sheridan , all'epoca capo barman dell'aeroporto, ebbe l'iniziativa di aggiornare la tradizionale bevanda irlandese - Whiskey nel tè appunto - creando una nuova versione più gradita agli americani, che costituivano la maggior parte dei viaggiatori, con la variante del caffè e dello zucchero, con il tocco finale della crema di latte.

[Fonte Bartime]


APPROFONDIMENTO SUGLI INGREDIENTI DEL COCKTAIL IRISH COFFEE

Whisky

Il Whisky è una bevanda alcoolica ottenuta dalla distillazione di cereali.


Scotch Whisky

(...) È noto che il whisky viene distillato in Scozia da secoli e molteplici sono le ipotesi sulle sue origini; una delle ipotesi è che esso fu introdotto nel paese da monaci missionari di ritorno dall'Irlanda. Si racconta infatti che quando nel 1172 Enrico II d'Inghilterra invase l'Irlanda, trovò che già vi si praticava la distillazione di spirito da cereali. È quindi probabile che l'arte della distillazione sia stata introdotta dall'Irlanda in Scozia nell'alto Medioevo.


Irish whiskey

Irish whiskey si ottiene da acqua, orzo, malto e si caratterizza, rispetto allo Scotch whisky, dal fatto di subire tre distillazioni anziché due.

Una ulteriore differenza tra l'Irish lo Scotch whisky si può identificare nel processo di maltaggio (malting) in quanto i forni per l'essiccazione a torba in Irlanda sono tendenzialmente "chiusi" e cioè non lasciano passare il fumo prodotto dalla torba. Viene a volte utilizzata antracite, che, contenendo pochi materiali volatili, non produce fumo. L'avena è solo schiacciata e non macinata e al termine dell'infusione il mosto viene fatto passare attraverso le bucce di avena che sono precipitate sul fondo del tino, acquistandone il gusto. La distillazione avviene solo in alambicchi tradizionali, ma di grandi dimensioni, fino a 750 ettolitri. È inoltre più spinta e il whiskey, prima di essere miscelato con acqua, arriva a 86 gradi alcolici. Viene per legge fatto invecchiare almeno cinque anni, ma i migliori arrivano a dieci e anche a quindici, perlopiù in botti usate che hanno contenuto Sherry. Anche se da qualche anno esistono Irish whiskey blended, il vero whiskey irlandese è puro, colorato al caramello e allungato con acqua distillata sino a raggiungere i 40 gradi alcolici.

I whiskey sono quindi caratterizzati da un gusto più dolce e morbido rispetto a quelli scozzesi e subiscono cambiamenti di aroma molto meno marcati durante l'invecchiamento.

Spesso gli irish whiskey più invecchiati vengono utilizzati per la produzione di un tipico liquore irlandese di sapore dolce chiamato Irish Mist (miscela di miele, erbe e altri liquori).

[Fonte Wikipedia]


Caffe'

Il caffè è una bevanda ottenuta dalla torrefazione e macinazione dei semi di alcune specie di piccoli alberi tropicali, appartenenti al genere Coffea.

Coffea appartiene alla famiglia botanica delle Rubiaceae, un gruppo di angiosperme che annovera oltre 600 generi e 13500 specie.

Sebbene all'interno del genere Coffea siano identificate e descritte oltre 100 specie, commercialmente le diverse specie di origine sono presentate come diverse varietà di caffè e le più diffuse sono l'"arabica" (Coffea arabica) e la "robusta" (Coffea canephora).

[Fonte Wikipedia]


Crema di latte o panna liquida

La crema di latte è anche detta panna liquida. Il nome è dovuto un po' alla sua consistenza e un po' alla sua derivazione: è la parte grassa del latte e la si otteneva lasciando quest'ultimo a riposare per mezza giornata (adesso è più frequente frullare il latte per velocizzare ed ottimizzare il lavoro).



 
 

 

Digicocktails vi consiglia di visitare:

Marco Ciofalo

 


Digicocktails.com non risponde di eventuali errori od omissioni e non si assume alcuna responsabilità su quanto in esso contenuto o di qualsiasi conseguenza, diretta o indiretta, derivante dall'uso dei dati contenuti in queste pagine.

Digicocktails.com è un marchio registrato di proprietà di Marco Ciofalo, tutti i diritti all'uso sono riservati. Il marchio può essere utilizzato solamente per creare un link al sito www.Digicocktails.com Per qualsiasi altro uso del marchio è necessaria un'autorizzazione scritta. L'intero contenuto di questo sito Web è tutelato da diritti d'autore.

Digicocktails.com di Marco Ciofalo :: P.Iva 05712080489