Cocktail Rusty Nail - Cocktails - Ingredienti del Rusty Nail- Preparazione del Rusty Nail- Storia del Cocktail Rusty Nail - Lista cocktails internazionali - iba - aibes - elenco cocktails - come preparare Cocktail Rusty Nail cocktail  Drambuie  Whisky 

Torna indietro e mantieni la selezione
 


COCKTAIL: RUSTY NAIL
 


Categoria : AFTER DINNER ( DA SERVIRE DOPO IL PRANZO O LA CENA )

INGREDIENTI PRINCIPALI , PERCENTUALI E DISPONIBILITA'

OK Significa che HAI questo ingrediente - NO significa che NON hai questo ingrediente - Torna alla pagina degli ingredienti

DRAMBUIE (NO)   WHISKY (NO)  

 

ALTRE INFORMAZIONI SUL COCKTAIL RUSTY NAIL

Bicchiere

Old Fashioned o Tumbler Basso

Ingredienti secondari

Scorza di Limone

Gradazione

alcolico

Decorazioni

Nessuno

Internazionale

si

 

PREPARAZIONE DEL COCKTAIL RUSTY NAIL

Il Rusty Nail, (chiodo arrugginito, tradotto in italiano), è un cocktail dalla gradazione alcolica molto alta, adatto a chi ama il sapore caldo e avvolgente del whisky scozzese. Questo cocktail si prepara direttamente negli old fashioned, ''on the rocks''. Ponete nei bicchieri 3-4 cubetti di ghiaccio, successivamente versatevi il drambuie e il whisky. Miscelate con lo stirrer e servite con una scorza di limone.


STORIA DEL COCKTAIL RUSTY NAIL

La ricetta del Rusty Nail è molto semplice, cristallina: whisky scozzese addolcito dal Drambuie, un liquore a base di whisky aromatizzato con erbe delle Highlands e miele d’erica. Tutti sapori che ricordano le colline scozzesi battute dal vento, dove il sapore del mare si fonde con quello della torba.


APPROFONDIMENTO SUGLI INGREDIENTI DEL COCKTAIL RUSTY NAIL

Drambuie

Il Drambuie (pronunciato [dræmˈbjuːi] o [dræmˈbuːi]) è un liquore scozzese all'aroma di miele ed erbe ricavato da whisky, miele di brugo e una miscela segreta di erbe e spezie. Il sapore rimanda a zafferano, miele, anice, noce moscata ed erbe.

È prodotto in Broxburn, nel Lothian dell'ovest, in Scozia e può essere servito "puro" (a temperatura ambiente senza ghiaccio), on the rocks (con ghiaccio), o usato come ingrediente in un cocktail.

La gradazione alcolica del Drambuie è del 40%.

Il nome "Drambuie" proviene dalla frase in gaelico scozzese An Dram Buidheach, che significa "la bevanda che soddisfa". Fu coniata nel 1893 alla locanda di Broadford, sull'isola di Skye.

Dopo la battaglia di Culloden (1746), il principe Charles Edward Stuart fuggì sull'isola di Skye. Qui fu accolto dal capitano John MacKinnon del clan MacKinnon. Secondo la leggenda, il principe lo ricompensò con la preziosa ricetta della bevanda, inventata anni prima dal suo farmacista personale. Alcuni storici considerano la storia solo una trovata pubblicitaria.

Un'altra leggenda sostiene che la ricetta fu tramandata nella seconda metà del XIX secolo dal clan MacKinnon a James Ross, il gestore del Broadford Hotel sull'isola di Skye. Ross sviluppò e migliorò la ricetta, inizialmente per una ristretta cerchia di amici, uno dei quali avrebbe poi battezzato il liquore. Ross si espanse, esportando il liquore in Francia e negli Stati Uniti e brevettò la ricetta a Londra.

Ross morì giovane; per provvedere all'istruzione dei figli la vedova vendette la ricetta a un differente MacKinnon, nella prima metà del XX secolo e da allora la ditta MacKinnon ha prodotto la bevanda.

La prima distribuzione commerciale di Drambuie si ebbe ad Edimburgo nel 1910. Ne furono vendute solo dodici casse. Nel 1916 il Drambuie fu il primo liquore ammesso nelle cantine della Camera dei Lords e fu spedito in tutto il mondo alle guarnigioni dell'Esercito di Sua Maestà. Negli anni 1980 i produttori cominciarono a pubblicizzare il liquore, e recentemente si è cercato di rafforzare il marchio dopo un calo di popolarità e di vendite.

[Fonte Wikipedia]


Whisky

Il Whisky è una bevanda alcoolica ottenuta dalla distillazione di cereali.


Scotch Whisky

(...) È noto che il whisky viene distillato in Scozia da secoli e molteplici sono le ipotesi sulle sue origini; una delle ipotesi è che esso fu introdotto nel paese da monaci missionari di ritorno dall'Irlanda. Si racconta infatti che quando nel 1172 Enrico II d'Inghilterra invase l'Irlanda, trovò che già vi si praticava la distillazione di spirito da cereali. È quindi probabile che l'arte della distillazione sia stata introdotta dall'Irlanda in Scozia nell'alto Medioevo.


Irish whiskey

Irish whiskey si ottiene da acqua, orzo, malto e si caratterizza, rispetto allo Scotch whisky, dal fatto di subire tre distillazioni anziché due.

Una ulteriore differenza tra l'Irish lo Scotch whisky si può identificare nel processo di maltaggio (malting) in quanto i forni per l'essiccazione a torba in Irlanda sono tendenzialmente "chiusi" e cioè non lasciano passare il fumo prodotto dalla torba. Viene a volte utilizzata antracite, che, contenendo pochi materiali volatili, non produce fumo. L'avena è solo schiacciata e non macinata e al termine dell'infusione il mosto viene fatto passare attraverso le bucce di avena che sono precipitate sul fondo del tino, acquistandone il gusto. La distillazione avviene solo in alambicchi tradizionali, ma di grandi dimensioni, fino a 750 ettolitri. È inoltre più spinta e il whiskey, prima di essere miscelato con acqua, arriva a 86 gradi alcolici. Viene per legge fatto invecchiare almeno cinque anni, ma i migliori arrivano a dieci e anche a quindici, perlopiù in botti usate che hanno contenuto Sherry. Anche se da qualche anno esistono Irish whiskey blended, il vero whiskey irlandese è puro, colorato al caramello e allungato con acqua distillata sino a raggiungere i 40 gradi alcolici.

I whiskey sono quindi caratterizzati da un gusto più dolce e morbido rispetto a quelli scozzesi e subiscono cambiamenti di aroma molto meno marcati durante l'invecchiamento.

Spesso gli irish whiskey più invecchiati vengono utilizzati per la produzione di un tipico liquore irlandese di sapore dolce chiamato Irish Mist (miscela di miele, erbe e altri liquori).

[Fonte Wikipedia]



 
 

 

Digicocktails vi consiglia di visitare:

Marco Ciofalo

 


Digicocktails.com non risponde di eventuali errori od omissioni e non si assume alcuna responsabilità su quanto in esso contenuto o di qualsiasi conseguenza, diretta o indiretta, derivante dall'uso dei dati contenuti in queste pagine.

Digicocktails.com è un marchio registrato di proprietà di Marco Ciofalo, tutti i diritti all'uso sono riservati. Il marchio può essere utilizzato solamente per creare un link al sito www.Digicocktails.com Per qualsiasi altro uso del marchio è necessaria un'autorizzazione scritta. L'intero contenuto di questo sito Web è tutelato da diritti d'autore.

Digicocktails.com di Marco Ciofalo :: P.Iva 05712080489

 

Cocktails
  Americano , Negroni , Alexander , Bacardi , Daiquiri Frozen Banana , Bellini , Black Russian , Bloody Mary , B&B , Buck's Fizz o Mimosa , Buck's Fizz o Mimosa , Champagne Cocktail , Caipiroska , Caipirinha , Cuba Libre , Daiquiri , French Connection , Garibaldi , Gibson , Gin Fizz , Gin Lemon , Godfather , Golden Cadillac , Godmother , Golden Dream , Grasshopper , Harvey Wallbanger , Horse's Nec , Irish Coffee , John Collins , Kir , Kir Royal , Manhattan , Manhattan Dry , Margarita , Martini Dry , Mojito , Pina Colada , Rossini , Rossini , White Lady , White Russian , Whisky Sour , Stinger , BullDog , B52 , Long Island Ice Tea , Angel Face , Apotheke , Abbey , Between The Sheets , Aviation , Spritz Veneziano , Bronx , Florida , Gin And French , Gin And It , Martini Sweet , Martini Perfect , Paradise , Parson's Special , Daiquiri Frozen Fragola , Texas Iced Tea , Cosmopolitan , Planter's Punch , Porto Flip , Rob Roy , Rose , Rusty Nail , Orgasm , Screwdriver , Shirley Temple , Adonis , Affinity , Alaska , Amaretto Colada , Acapulco Gold Colada , Amaretto Sour , Angel's Delight , Bahia , Baltimore Egg Nog ,
     
Follow >